DOCUMENTO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA DEL SISTEMA PORTUALE”: AVVIATE LE CONSULTAZIONI CON GLI STAKEHOLDERS- ECCO IL LINK DAL QUALE SCARICARE I DOCUMENTI

DiMaria Di Filippo

DOCUMENTO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA DEL SISTEMA PORTUALE”: AVVIATE LE CONSULTAZIONI CON GLI STAKEHOLDERS- ECCO IL LINK DAL QUALE SCARICARE I DOCUMENTI

Si è tenuta oggi 2 aprile a Bari, presso la sede dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Meridionale, la presentazione del processo di consultazione degli stakeholder del territorio che l’AdSP MAM ha deciso di avviare in vista della redazione del Documento di Pianificazione Strategica del Sistema Portuale (DPSSP) e del Documento di Pianificazione Energetica e Ambientale del Sistema Portuale (DPEASP).

Tali documenti rappresentano il primo passo nella composizione del Piano Regolatore di Sistema Portuale (art. 5 bis Legge 84/94 e ss.mm.ii.): attraverso essi, infatti, saranno definite la vision generale sull’assetto del sistema portuale e le linee di intervento che, nel corso dei prossimi anni, riguarderanno i porti di Bari, Brindisi, Barletta, Manfredonia e Monopoli, sia dal punto di vista strategico sia dal punto di vista delle politiche energetiche e ambientali.

 

L’auspicio di AdSP MAM è pervenire alla redazione di un DPSSP e di un DPEASP fortemente condivisa: per questo, l’Ente ha deciso raccogliere le istanze e le aspettative degli stakeholder del territorio, avviando un processo di consultazione che, al netto dei tavoli di co–pianificazione con i singoli Comuni, si articolerà in due fasi.

 

Nella prima fase, istituzioni, imprese e associazioni operanti sui territori del sistema riceveranno una email con un link di accesso ad un questionario e ad un documento che sintetizza le diverse alternative di adeguamenti strutturali che l’AdSP MAM ha individuato, così che possano esprimere la propria opinione a riguardo. In una seconda fase, verranno organizzati degli incontri sul territorio per discutere e approfondire le esigenze più significative emerse dai questionari.

 

Al fine di organizzare al meglio le attività di consultazione e per garantire la totale trasparenza del processo partecipativo, le due fasi saranno coordinate dall’istituto Troisi Ricerche srl (www.troisiricerche.net), specializzato in ricerche sociali, di mercato e sondaggi di opinione; l’istituto Troisi Ricerche si occuperà anche dell’analisi delle istanze raccolte e della redazione di un documento che presenti e sintetizzi quanto emerso dal processo di consultazione.

 

«L’AdSP MAM si propone come un esempio di best practice, avviando un percorso virtuoso, sperimentale e pionieristico fatto di studio e di condivisione, esteso alla comunità portuale e agli stakeholderes– commenta il presidente dell’Ente Ugo Patroni Griffi.  Con il supporto di tutti individueremo target, necessità e proposte di sviluppo per giungere ad uno studio finale omnicomprensivo. Una volta approvati, i documenti, di pianificazione strategica e di pianificazione energetica-ambientale saranno funzionali alla redazione dei Piani Regolatori Portuali, fondamentale strumento urbanistico che allo stato risulta obsoleto e non conforme alle nuove esigenze di antropizzazione dei porti. Differentemente dal Documento di Pianificazione Strategica che comprende tutti i porti del nostro sistema- conclude Patroni Griffi– il Piano Regolatore Portuale sarà stilato sulla base delle precipue peculiarità di ciascun porto».

 

 

 

 

Il carattere innovativo dell’iniziativa è stato sottolineato anche da Francesco Di Leverano, direttore del Dipartimento Tecnico AdSP MAM, che ha illustrato in dettaglio le modalità di interlocuzione e di coinvolgimento degli stakeholder e ha ricordato come, per la prima volta in Italia, il DPEASP venga redatto attraverso un processo di pianificazione congiunta.

 

Durante l’incontro con la stampa sono state, inoltre, presentate le sinergie con componenti tecniche esperte che AdSP MAM ha attivato, per ciascun ambito tematico toccato dai documenti di pianificazione. Tali componenti sono state individuate nel Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, del Territorio, Edile e di Chimica del Politecnico di Bari per il DPSSP (responsabile scientifico sarà il prof. Leonardo Damiani, designato dal Consiglio del DICATECh), nel Distretto Tecnologico Nazionale sull’Energia (DITNE), presieduto dal prof. Arturo De Risi dell’Università del Salento, per il DPEASP, e in una rete di esperti in tema di pianificazione urbanistica e politiche ambientali, quali l’arch. Anna Maria Curcuto, la prof.ssa Angela Stefania Bergantino e la prof.ssa Angela Barbanente. Gli esperti collaboreranno, per l’intera durata del progetto, con il Dipartimento Tecnico di AdSP MAM e con l’Ufficio di Pianificazione Strategica che l’Autorità di Sistema ha appositamente costituito per sovrintendere all’intero processo di redazione partecipata e per monitorare l’esito delle azioni previste.

 

 

 

All’incontro odierno ha preso parte l’Assessore ai Lavori pubblici e Infrastrutture del Comune di Bari, Giuseppe Galasso, che ha lodato la grande attenzione riservata da AdSP MAM al potenziamento dell’interazione tra il porto e la città e ha sottolineato «l’importanza strategica della creazione di collegamenti non solo tra l’area portuale e quella del retroporto, ma all’intero sistema territoriale, così come richiesto anche dagli investitori stranieri».

 

Di seguito, il link attraverso il quale scaricare i documenti oggetto della consultazione

http://www.adspmam.it/owncloud/index.php/s/Blzh9L4kmKzM1xT

MDF 02. aprile. 2019