IL PRESIDENTE DELL’ADSP MAM NOMINA UN NUOVO COMPONENTE DELL’ORGANISMO DI PARTENARIATO DELLA RISORSA DEL MARE. E’ L’ARCHITETTO ANNA MARIA CURCURUTO, ESPERTA IN MATERIA DI PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO E REDAZIONE DI PIANI URBANISTICI.

DiMaria Di Filippo

IL PRESIDENTE DELL’ADSP MAM NOMINA UN NUOVO COMPONENTE DELL’ORGANISMO DI PARTENARIATO DELLA RISORSA DEL MARE. E’ L’ARCHITETTO ANNA MARIA CURCURUTO, ESPERTA IN MATERIA DI PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO E REDAZIONE DI PIANI URBANISTICI.

L’Organismo di partenariato della risorsa del mare dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale si arricchisce di un nuovo prestigioso componente.

Con determina numero 432 del 27 novembre 2018, il presidente, Ugo Patroni Griffi, ha nominato quale componente esperto in materia di pianificazione del territorio e redazione di piani urbanistici l’architetto Anna Maria Curcuruto.

 

Laureata in Architettura all’Università La Sapienza di Roma, Anna Maria Curcuruto, originaria di Brindisi, è docente in Istituti scolastici superiori di Roma e Barletta e Bari, professore a contratto di Progettazione urbanistica nella Facoltà di Architettura Politecnico di Bari, insegnante di Pianificazione urbanistica e innovazioni legislative presso Scuola superiore pubblica amministrazione di Bari. Partecipa a manifestazioni nazionali dell’Istituto nazionale di Urbanistica, conseguendo, per i programmi della città di Bari, cinque volte il Premio Urbanistica Urbanpromo. Attualmente, è dirigente tecnico in quiescenza del Comune di Bari.

 

Il nostro Organo consultivo si arricchisce di una professionalità comprovata in materia di piani regolatori e programmi urbanistici- commenta il presidente Patroni Griffi. Dopo la costituzione dell’Ufficio di piano, l’arrivo dell’architetto Curcuruto è un nuovo determinante passo verso la redazione del Piano Regolatore di Sistema Portuale. Una vision strategica dell’evoluzione dei nostri porti, in un’ottica dinamica, moderna e sempre più integrata e osmotica con il processo urbanistico in corso nelle città.

 

L’Organismo di partenariato della risorsa del mare ha per l’Ente portuale funzioni consultive. Può, comunque, esprimere pareri sugli aspetti chiave delle attività amministrative dei porti del sistema, come l’adozione del Piano Regolatore Portuale e del Piano Operativo Triennale, bilancio preventivo e consuntivo.

 

 

 

 

MDF, 30 novembre 2018