VERTENZA CBS-DAMARIN NEL PORTO DI BRINDISI: IL TAR LECCE RIGETTA L’ISTANZA CAUTELARE AVANZATA DALLE EX CONCESSIONARIE. SI TRATTA DEL TERZO PROVVEDIMENTO CAUTELARE FAVOREVOLE ALL’ADSP MAM NEL GIRO DI 20 GIORNI.

DiMaria Di Filippo

VERTENZA CBS-DAMARIN NEL PORTO DI BRINDISI: IL TAR LECCE RIGETTA L’ISTANZA CAUTELARE AVANZATA DALLE EX CONCESSIONARIE. SI TRATTA DEL TERZO PROVVEDIMENTO CAUTELARE FAVOREVOLE ALL’ADSP MAM NEL GIRO DI 20 GIORNI.

Il TAR di Lecce, espressosi ieri giovedì 7 novembre, con provvedimenti n. 653/2019 e 654/2019, ha rigettato l’ennesima istanza cautelare avanzata dalle ditte Damarin e CBS, già dichiarate decadute per inadempimento dalle concessioni demaniali marittime relative ad aree insistenti nel porto di Brindisi.

Attraverso le ordinanze, quindi, il Collegio giudicante ha confermato gli effetti dei due Decreti monocratici già emessi, inaudita altera parte, dallo stesso Tribunale, il 22 ottobre scorso.

Si tratta di un ulteriore successo legale dell’Ente portuale, nell’ambito dell’annosa vicenda giudiziaria che sta segnando, ora, gli ultimi passi per la riacquisizione della disponibilità delle aree demaniali marittime del porto di Brindisi, considerate strategiche per la cantieristica navale, attualmente detenute dalle due ditte, nonostante sia stato adottato un provvedimento di decadenza nei confronti di ciascuna di esse, riconosciuto pienamente valido, efficace e legittimo dall’Autorità Giudiziaria amministrativa.

Ora, l’Authority si attiverà per attuare doverosamente lo sgombero e riacquisire l’area perché possa essere assegnata in anticipata occupazione, ai sensi dell’art. 38 del Codice della Navigazione, al soggetto economico individuato dall’Ente, all’esito di un procedimento ad evidenza pubblica: il Consorzio Cantieri Riuniti Del Mediterraneo(Consorzio costituito tra le Società Operazione s.r.l. di Napoli, S. & Y. S.r.l. di Napoli e Marine Management & Supplies s.r.l. di Napoli), in attesa della conclusione del procedimento.

Un passaggio doveroso e fondamentale che tutelerà gli interessi di carattere patrimoniale ed erariale dell’Ente, e soprattutto i lavoratori degli ex cantieri che, secondo il piano industriale presentato dal Consorzio, saranno totalmente riassorbiti dal nuovo concessionario.

 

 

MDF, 8 novembre 2019