Archivio mensile novembre 2019

DiSimone Muya

Porto di Bari. Lavori di rimodulazione e nuova configurazione dei varchi carrabili e pedonali della Port Facility molo San Vito extra Schengen ed adeguamento della viabilità – C.U.P. B97H18002240001 – CIG 808334072F

Con Determina Presidenziale n. 456 del 07/11/2019 è stata avviata la procedura di gara telematica relativa a: Porto di Bari. Lavori di rimodulazione e nuova configurazione dei varchi carrabili e pedonali della Port Facility molo San Vito extra Schengen ed adeguamento della viabilità”  ai sensi degli artt. 60 e 95 c. 4 del d.lgs. 50/2016 [ C.U.P. B97H18002240001– CIG 808334072F]:

Importo complessivo d’appalto: € 1.481.933,17 di cui € 1.452.582,93 (soggetti a ribasso) e € 29.350,24 per oneri per la sicurezza (non soggetti a ribasso) non imponibile I.V.A.;

Durata dell’appalto: 460 giorni naturali e consecutivi dalla data di sottoscrizione del contratto o dalla consegna dei lavori

Termine per il ricevimento delle offerte16.12.2019 ore 12:00.00

Termine per il ricevimento quesiti : 07.11.2019 ore 21:00.00

Apertura delle offerte17.12.2019 ore 10:00.00

La procedura di gara sarà gestita telematicamente sulla piattaforma TuttoGare all’indirizzo https://gare.adspmam.it/  dove sarà possibile, altresì,  scaricare l’intera documentazione tecnica.

Il responsabile del procedimento è il dott. ing. Francesco Di Leverano.

 

DOCUMENTAZIONE

Determina P n. 456 del 7.11.2019_determina a contrarre trasparenza

bando di gara

CSA – Capitolato speciale d’appalto

Disciplinare di gara_rev01lc

Istruzioni per la partecipazione

Modello A_ Istanza di ammissione

Modello B_Patto d’integrità AdSP

Modello C_allegato OE

PE CSA – Allegato Schema di contratto v2

APU – Analisi prezzi unitari

AR01 – Inquadramento urbanistico

AR03 – SdL varco AC1

AR04 – SdL varco AC3

AR05 – Planimetria progetto

AR06 – Demolizioni e ricostruzioni

AR07 – Planimetria varco AC1

AR08 – Demolizioni e ricostruzioni AC1

AR09 – Planimetria varco AC3

AR10 – Demolizioni e ricostruzioni AC3

AR02 – Rilievo stato dei luoghi

AR11 – Varco AC1 pianta e prospetti

AR12 – Varco AC1 particolari

AR13 – Varco AC3 pianta e prospetti

AR14 – Varco AC3 particolari

AR15 – Varco AC3 controsoffitti

AR16 – Dettagli postazione ufficioù

AR17 – Dettagli postazione wc

AR19 – Book dettagli

EE – Elenco elaborati

EPU – Elenco prezzi unitari

IE01 – Relazione specialistica

IE02 – Relazione fotovoltaico AC1

IE03 – Relazione fotovoltaico AC3

IE04 – Protezione fulmin AC1

IE05 – Protezione fulmini AC3

IE06 – Schema a blocchi AC1

IE07 – Schema a blocchi AC3

IE08 – Impianti speciali AC1

IE09 – Impianti speciali AC3

IE10 – Piano installazione impianti AC1

CME – Computo metrico estimativo

IE11 – Piano installazione impianti AC3

IE12 – Impianto fotovoltaico AC1

IE13 – Impianto fotovoltaico AC3

IE14 – Quadri elettrici AC1

IE15 – Quadri elettrici AC3

IE16 – Verifiche rete BT AC1

IE17 – Verifiche rete BT AC3

IE18 – Verifiche illuminotecniche AC1

IE19 – Verifiche illuminotecniche AC3

IM01 – Impianto di termorefrigerazione tipo

PM- Piano di manutenzione

QE – Quadro economico

QIM – Quadro incidenza manodopera

RE ST01 Rel Tec

RE ST02 Varchi Porto TABULATI

RE_AR – Relazione opere architettoniche

RE_GM – Relazione gestione materie

RE_IM – Relazione impianti meccanici

RE_IN – Relazione interferenze

RE_PRE – Relazione rispetto prescrizioni

RE_RG – Relazione generale

RE_SE – Relazione sicurezza esercizio

SIC 1 – PSC

SIC 2 – ALLEGATO A cronoprogramma

SIC 3 – ALLEGATO B analisi rischi

SIC 4 – ALLEGATO C stima costi

SIC 5 – ALLEGATO D tavole

SIC 6 – Fascicolo con caratteristiche opera

ST01 Varco AC1 fili fissi

ST02 Varco AC3 fili fissi

ST03 Varco AC1 fond

ST04 Varco AC3 fond

ST05 Varco AC1 copertura fili fissi

ST06 Varco AC3 copertura fili fissi

ST07 Varco AC3 prosp e sez

ST08 Varco AC1 particolari

CHIARIMENTI

chiarimenti 01 al 29.11.19

chiarimenti 02 al 09.12.19

 

DiMaria Di Filippo

AUMENTATA L’EFFICIENZA PRESTAZIONALE DELLE BANCHINE DELLA DARSENA DI LEVANTE DEL PORTO DI BARI: L’ADSP MAM INSTALLA NUOVI PARABORDI CILINDRICI.

Nei giorni scorsi, il Dipartimento Tecnico dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale ha effettuato un intervento di implementazione e sostituzione delle attrezzature di ormeggio presso le banchine della Darsena di Levante (I braccio del molo foraneo) del porto di Bari, con l’obiettivo di migliorarne l’efficienza e agevolare le operazioni di attracco che risulteranno, così, più sicure e veloci.

 

I vecchi parabordi cilindrici (con diametro esterno 1000 mm, diametro interno 500 mm e lunghezza 1000 mm) sono stati sostituiti con dispositivi di ultimissima generazione, contraddistinti da dimensioni più grandi (1600 mm diametro esterno, 800 mm diametro interno e 1800 mm di lunghezza) e performance di gran lunga migliori. Vantano, infatti, una energia assorbibile di 518 kNm e una resistenza a compressione di 1584 kN.

 

I nuovi arredi di banchina, pertanto, per le loro caratteristiche di compattezza, sapranno meglio rispondere alle frequenti sollecitazioni, cui verranno sottoposti, garantendo maggiore sicurezza in fase di ormeggio e per lo scafo stesso delle grandi navi porta-container e di merci alla rinfusa, ospitate nella area commerciale del porto di Bari.

 

L’intervento rientra nell’ambito di una complessa e articolata strategia di implementazione e infrastrutturazione di tutti gli scali del sistema dell’Adriatico meridionale, messa in atto dall’Autorità portuale al fine di rendere i propri porti più sicuri, efficienti e competitivi sui mercati nazionali e internazionali.

 

 

 

 

 

MDF, 19 novembre 2019

DiMaria Di Filippo

PORTI DI BARLETTA, MANFREDONIA E MONOPOLI: L’ADSP MAM PRESENTA I PROGETTI DI STRUTTURE LEGGERE PER L’ACCOGLIENZA DEI PASSEGGERI

Lunedì 18 novembre alle ore 11.00 nella sala conferenze dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale, uffici di Bari p.le C. Colombo n.1, il presidente, Ugo Patroni Griffi, illustrerà alla Stampa  il progetto relativo alla realizzazione delle strutture leggere per l’accoglienza dei passeggeri nei porti di Barletta, Monopoli e Manfredonia, nell’ambito del progetto comunitario Interreg Greece-Italy Themis.

All’incontro parteciperanno Cosimo Damiano Cannito, sindaco di Barletta, Francesca Anna Maria Crea, componente della Commissione straordinaria del Comune di Manfredonia e Stefano Lacatena, consigliere comunale delegato all’Urbanistica del Comune di Monopoli.

 

MDF, 15 novembre 2019

DiMaria Di Filippo

PORTI: INTESA AUTORITÀ MARE ADRIATICO MERIDIONALE– SOGESID PER INTERVENTI AMBIENTALI E INFRASTRUTTURALI

 

  L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Meridionale sceglie Sogesid SpA per il supporto tecnico agli interventi ambientali e infrastrutturali previsti dal proprio piano di investimenti. Un’intesa firmata dal presidente dell’Autorità Ugo Patroni Griffi e dal presidente e AD di Sogesid Enrico Biscaglia individua le aree di intervento in cui la Società “in house providing” dei Ministeri dell’Ambiente e delle Infrastrutture potrà accompagnare l’azione della AdSP MAM nelle aree portuali di Bari, Brindisi, Manfredonia, Barletta e Monopoli.

Sogesid– è scritto nell’atto – dovrà garantire “il supporto tecnico e specialistico richiesto dall’Autorità”, per gli interventi riguardanti “le infrastrutture portuali, il trasporto marittimo e le vie d’acqua interne”. Si tratta in particolare di attività di indagine e pianificazione ambientale, redazione di progetti e direzione dei lavori nei cantieri, di responsabilità sulle varie fasi della procedura amministrativa.

 

Tra i servizi tecnico-ingegneristici individuati nell’accordo che Sogesid potrà realizzare ci sono i piani di caratterizzazione ambientale dei fondali e delle aree a terra, i piani di monitoraggio, quelli di gestione e rimozione di rifiuti, le procedure per la valutazione ambientale, le indagini per individuare siti idonei all’immissione in mare o per l’impianto in aree con falda naturale salinizzata, e ancora le indagini per la tutela delle specie protette e le procedure per la derivazione dei valori di riferimento nei siti d’interesse nazionale. Il ruolo di Sogesid potrà inoltre essere previsto nelle fasi di progettazione, esecuzione e direzione dei lavori, come nella funzione di Soggetto Attuatore, intervenendo cioè quale Responsabile del procedimento e Stazione appaltante.

 

   “Attraverso l’accordo, vogliamo imprimere una fortissima accelerazione ai processi di infrastrutturazione dei porti industriali, Brindisi e Manfredonia, compresi i necessari dragaggi, e adoperarci perché in tempi brevissimi sia dragato anche il porto di Monopoli,- commenta il presidente dell’AdSP MAM Ugo Patroni Griffi. Inoltre, Sogesid ci supporterà nel delicato e virtuoso processo di infrastrutturazione eco-sostenibile che abbiamo già intrapreso. Con l’ausilio qualificato della Società, potremo implementare le più avanzate regole dell’arte nell’adeguamento dei porti alle sfide poste da un lato dal mercato globale e dall’altro dai mutamenti climatici.”

 

Siamo lieti di lavorare assieme all’Autorità di sistema– afferma il presidente di Sogesid Enrico Biscaglia– nella direzione di velocizzare quel percorso di crescita ambientale e infrastrutturale che dovrà rendere i porti luoghi strategici di un nuovo sviluppo sostenibile. Sogesid è da tempo impegnata in Puglia su questioni ambientali molto rilevanti: nelle attività di dragaggio del quinto sporgente del porto di Taranto per la realizzazione della cassa di colmata, per la bonifica nell’area Yard Belleli, nelle attività di rimozione del marine-litter del Mar Piccolo, sull’area Micorosa del SIN di Brindisi, senza dimenticare l’intervento realizzato a Manfredonia per la bonifica delle discariche Pariti e Conte di Troia. Questo nuovo atto – conclude – dà alla Società la possibilità di mostrare sul campo competenze già strutturate e, in linea con gli obiettivi del Piano Triennale 2019-2021, di allargare in maniera significativa la propria offerta professionale”.

 

MDF 13 novembre 2019

 

DiBarbara Bertoldo

Lavori di demolizione dei manufatti a ridosso del Molo Borbonico e riqualificazione degli spazi antistanti nel Porto di Bari. [CUP B93E18000050005 – CIG 8077551DF1]

Lavori di demolizione dei manufatti a ridosso del Molo Borbonico e riqualificazione degli spazi antistanti nel Porto di Bari [CUP B93E18000050005 – CIG  8077551DF1]

Settori speciali ai sensi parte II, titolo VI, CAPO I del Codice dei contratti – decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 ss.mm.ii.

Appalto pubblico di lavori riguardanti  “beni culturali tutelati”, ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42;

Con Determina Presidenziale n. 429 del 23.10.2019, rettificata con D.P. n. 452 del 05.11.2019, è stata avviata la procedura di gara telematica aperta relativa a: Lavori di demolizione dei manufatti a ridosso del Molo Borbonico e riqualificazione degli spazi antistanti nel Porto di Bari” , ai sensi degli artt. 60 e 95 c. 4 del d.lgs. 50/2016.

Tipologia gara: Procedura di gara aperta telematica ex art. 60 del d.lgs. 50/2016.

Criterio di aggiudicazione: L’appalto è aggiudicato in base al criterio del minor prezzo, ai sensi dell’art. 95, comma 4 del Codice.

Importo complessivo d’appalto: € 132.628,82 di cui €  119.083,89 per lavori (soggetti a ribasso) e € 13.544,93 per oneri per la sicurezza (non soggetti a ribasso), non imponibile I.V.A.

Durata dell’appalto: 60 giorni naturali e consecutivi dalla data del verbale di consegna dei lavori.

Termine richiesta chiarimenti: 01.12.2019 ore 21:00  (tramite TuttoGare)

Pubblicazione chiarimenti: 03.12.2019

Termine presentazione offerte: 09.12.2019 ore 12:00

Apertura telematica offerte: 10.12.2019 ore 10:00

La procedura di gara sarà gestita telematicamente sulla piattaforma TuttoGare all’indirizzo:  https://gare.adspmam.it/gare/id12659-dettaglio, dove sarà possibile, altresì,  scaricare l’intera documentazione tecnica.

Il responsabile del procedimento è il dott. ing. Antonio Pantanella.

DETERMINA A CONTRARRE

Determina P n. 429 del 23.10.2019_trasparenza

Determina P n. 452 del 05.11.2019_trasparenza

DOCUMENTAZIONE DI GARA

bando di gara

disciplinare di gara

Istruzioni per la partecipazione

 

MODELLI

Modello A _ istanza di partecipazione

Modello A1 _SOA

Modello B _ Patto d’integrità

 

DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO

ELAB_R.6-Capitolato_Speciale_Appalto

ELAB_R.7-Schema_Contratto

ELAB_R.1_Relazione

ELAB_R.3_Computo_Metrico-Elenco_Prezzi

ELAB_R.5_Incidenza_MDO

ELAB_R.8-Gestione_Materie

ELAB_S.1_PSC-Relazione

ELAB_S.2-Gantt

ELAB_S.3_Analisi_Rischi

ELAB_S.4_PSC-Stima_costi

ELAB_S.5_PSC_Layout

ELAB_T.1-Allegato_Fotografico

ELAB_T.2_inquadramento

ELAB_T.3_SL_planimetria

ELAB_T.4_SL_pianta-sezione-prospetto

ELAB_T.5_PR_planimetria_generale

ELAB_T.6_PR_planimetria_dettaglio

CHIARIMENTI

chiarimenti_01 al 15 11 2019

chiarimenti_02 al 22 11 2019

chiarimenti_03 al 29 11 2019

ATTO DI COSTITUZIONE DEL SEGGIO DI GARA:

Determina P n. 509 del 10.12.2019_nomina seggio di gara_ trasparenza

GRADUATORIA PROVVISORIA:

12659 – Graduatoria provvisoria1576149981

 

 

 

 

 

 

 

DiMaria Di Filippo

“I PORTI ITALIANI ALLA PROVA DEI MERCATI INTERNAZIONALI”: VENERDÌ 15 NOVEMBRE ALLE ORE 15.00, CONVEGNO CON ESPERTI DI CARATURA NAZIONALE.

Venerdì 15 novembre alle ore 15.00 nella Sala del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, Palazzo di Giustizia- Piazza E.De Nicola a Bari, si svolgerà un convegno dal titolo: “I porti italiani alla prova dei mercati internazionali”:

L’iniziativa, organizzata da Università Aldo Moro di Bari; Dipartimento di Economia Management e Diritto d’Impresa; Fondazione Scuola Forense Barese Scuola di Aggiornamento Professionale; Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale; Autorità di Sistema Portuale del  Mare Ionio; sotto l’egida di Assoporti, Associazione Italiana Diritto Marittimo e International Propeller Clubs, mira tracciare un quadro della situazione attuale degli scali portuali italiani, rispetto ai competitor europei ed extraeuropei, e definire le linee di un’azione coordinata e condivisa per infrangere il gap che, fino a questo momento, li hanno penalizzati.

L’evento sarà presieduto e introdotto dal presidente dell’AdSP MAM Ugo Patroni Griffi, e avrà quali relatori docenti ed esperti di caratura nazionale.

Le conclusioni saranno tracciate dal presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio, Sergio Prete.

MDF, 12 novembre 2019

DiMaria Di Filippo

VERTENZA CBS-DAMARIN NEL PORTO DI BRINDISI: IL TAR LECCE RIGETTA L’ISTANZA CAUTELARE AVANZATA DALLE EX CONCESSIONARIE. SI TRATTA DEL TERZO PROVVEDIMENTO CAUTELARE FAVOREVOLE ALL’ADSP MAM NEL GIRO DI 20 GIORNI.

Il TAR di Lecce, espressosi ieri giovedì 7 novembre, con provvedimenti n. 653/2019 e 654/2019, ha rigettato l’ennesima istanza cautelare avanzata dalle ditte Damarin e CBS, già dichiarate decadute per inadempimento dalle concessioni demaniali marittime relative ad aree insistenti nel porto di Brindisi.

Attraverso le ordinanze, quindi, il Collegio giudicante ha confermato gli effetti dei due Decreti monocratici già emessi, inaudita altera parte, dallo stesso Tribunale, il 22 ottobre scorso.

Si tratta di un ulteriore successo legale dell’Ente portuale, nell’ambito dell’annosa vicenda giudiziaria che sta segnando, ora, gli ultimi passi per la riacquisizione della disponibilità delle aree demaniali marittime del porto di Brindisi, considerate strategiche per la cantieristica navale, attualmente detenute dalle due ditte, nonostante sia stato adottato un provvedimento di decadenza nei confronti di ciascuna di esse, riconosciuto pienamente valido, efficace e legittimo dall’Autorità Giudiziaria amministrativa.

Ora, l’Authority si attiverà per attuare doverosamente lo sgombero e riacquisire l’area perché possa essere assegnata in anticipata occupazione, ai sensi dell’art. 38 del Codice della Navigazione, al soggetto economico individuato dall’Ente, all’esito di un procedimento ad evidenza pubblica: il Consorzio Cantieri Riuniti Del Mediterraneo(Consorzio costituito tra le Società Operazione s.r.l. di Napoli, S. & Y. S.r.l. di Napoli e Marine Management & Supplies s.r.l. di Napoli), in attesa della conclusione del procedimento.

Un passaggio doveroso e fondamentale che tutelerà gli interessi di carattere patrimoniale ed erariale dell’Ente, e soprattutto i lavoratori degli ex cantieri che, secondo il piano industriale presentato dal Consorzio, saranno totalmente riassorbiti dal nuovo concessionario.

 

 

MDF, 8 novembre 2019

DiMaria Di Filippo

AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO APERTO DI AVVOCATI PER L’ASSISTENZA, DIFESA E RAPPRESENTANZA IN GIUDIZIO DELL’AUTORITÀ DI SISTEMA PORTUALE DEL MARE ADRIATICO MERIDIONALE: ECCO IL LINK

Per facilitare la ricerca nel nostro portale, di seguito pubblichiamo il link attraverso il quale è possibile scaricare la documentazione necessaria per l’iscrizione nell’elenco degli avvocati del libero Foro per l’assistenza, la difesa a la rappresentanza in giudizio dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale

https://adspmam.etrasparenza.it/archivio11_bandi-gare-e-contratti_0_479092_876_1.html

DiLaura Cimaglia

“Porto di Bari. Lavori di realizzazione di torri faro sui piazzali retrostanti le banchine operative della Darsena di Levante” [CUP B97I18064710001 – CIG: 8056764BF8]

Porto di Bari. Lavori di realizzazione di torri faro sui piazzali retrostanti le banchine operative della Darsena di Levante” [CUP B97I18064710001 – CIG: 8056764BF8]

Settori speciali ai sensi parte II, titolo VI, CAPO I del Codice dei contratti – decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 ss.mm.ii.

Con Determina Presidenziale n. 487 del 21.11.2019 è stata avviata nuovamente la procedura di gara telematica aperta relativa a: Porto di Bari. Lavori di realizzazione di torri faro sui piazzali retrostanti le banchine operative della Darsena di Levante”  ai sensi degli artt. 60 e 95 c. 2 del d.lgs. 50/2016, dopo l’annullamento della precedente procedura.

Tipologia gara: procedura di gara aperta telematica ex art. 60 del d.lgs. 50/2016.

Criterio di aggiudicazione: offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell’art. 95, comma 2 del d.lgs. 50/2016 sulla base del criterio qualità/prezzo.

Importo complessivo d’appalto: € 817.673,20 di cui € 751.182,52 per lavori (soggetti a ribasso) e € 66.490,68 per oneri per la sicurezza (non soggetti a ribasso), non imponibile I.V.A.

Durata dell’appalto: 220 giorni naturali e consecutivi dalla data di stipula del contratto o del verbale di consegna.

Termine richiesta chiarimenti: 29.12.2019 ore 21:00 (tramite TuttoGare)

Pubblicazione chiarimenti: 02.01.2020

Termine presentazione offerte: 08.01.2020 ore 12:00

Apertura telematica offerte: 09.01.2020 ore 10:00

La procedura di gara sarà gestita telematicamente sulla piattaforma TuttoGare all’indirizzo: https://gare.adspmam.it/gare/id14087-dettaglio, dove sarà possibile, altresì,  scaricare l’intera documentazione tecnica.

Il responsabile del procedimento è il dott. ing. Francesco Di Leverano.

DETERMINA A CONTRARRE

DP n. 478 del 21.11.2019

DOCUMENTAZIONE DI GARA

Bando di gara

Disciplinare di gara

Istruzioni per la partecipazione

MODELLI

Modello A_ Istanza di ammissione

Modello B_Patto d’integrità AdSP

Modello C_allegato OE

DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO

All.to A1 – Capitolato speciale d’Appalto rev.01-signed

All.to A1.1 – Quadro economico

All.to A.1.2 Schema di contratto

All.to B.1 – Elenco prezzi unitari

All.to B.2 – Analisi prezzi

All.to B.3 – Computo metrico estimativo

All.to B.4 – Quadro di incidenza della manodopera

All.to C1 – Piano di manutenzione

All.to R.1 Relazione tecnica generale

All.to R.2 Impianti elettrici – Relazione tecnica specialistica

All.to R.2.1 – Calcolo illuminotecnico

All.to R.2.2 Impianti elettrici – Verifiche elettriche

All.to R.2.3 – Verifica scariche atmosferiche Torre Faro e Generatore Eolico

All.to R.3 – Strutture, relazione illustrativa

All.to R.3.1 – Relazione di calcolo strutturale

All.to R.3.2 – Tabulati di calcolo

All.to R.3.3 – Relazione sui materiali

All.to R.3.4 – Relazione sulla modellazione sismica

All.to R.3.5 – Relazione sul programma di calcolo

All.to R4 – Relazione geotecnica

All.to s.1 – Piano di Sicurezza e Coordinamento

All.to s.2 – Analisi dei rischi

All.to s.3 – Cronoprogramma

All.to s.4 – Stima dei costi della sicurezza

All.to s.5 – Fascicolo

ie1 – Schemi unifilari dei quadri elettrici

ie2 – Schema funzionale quadro conversione impianto eolico

ie3 – Impianto elettrico, posizionamento torri faro e generatore eolico

ie4 – Impianto elettrico, percorsi e dimensionamento scavi

ie5 – Impianto elettrico, distribuzioni elettriche torri T1-T8 e generatore eolico

ie6 – Impianto elettrico, distribuzioni elettriche illuminazione 3° braccio

ie7 – Impianto elettrico, particolare distribuzioni elettriche su muratura illuminazione 3° bra

ie8 – Impianti elettrici, particolari costruttivi e di cablaggio torri faro

ie9 – Impianti elettrici, particolari costruttivi e di cablaggio generatore eolico

in01 – Inquadramento generale

in2 – Inquadramento urbanistico

oe1 – Opere edili, particolari dimensionali zona tecnica alloggiamento quadro elettrico Torri 1-4

oe2 – Opere edili, particolari dimensionali zona tecnica alloggiamento Quadro generale Torri

oe3 – Opere edili, layout dissuasori

si1 -Sicurezza – individuazione aree di cantiere e viabilità, Zona torri 1-8 – Stralcio planimetria generale

si2 – Sicurezza – individuazione aree di cantiere, Zona 3° Braccio – Stralcio planimetria generale

si3 – Sicurezza – Particolare cantiere tipo (Torri faro) e cantiere zona Q.Torri.1-4 – Stralci planimetria generale

si4 – Sicurezza – Particolare cantiere zona 12 e cantiere 3° Braccio – Stralci planimetria generale

st1 – Fondazione per pala eolica, geometria e armatura

st2 – Fondazione per torri faro, geometria e armatura

 

 

DiMaria Di Filippo

FIERA QATAR SILK ROAD EXHIBITION 2019 DOHA, DECC, 3-5 NOVEMBRE 2019 PORTI E INTERPORTI ITALIANI ALLA PRIMA EDIZIONE DELLA FIERA ORGANIZZATA A DOHA, QATAR

Doha; Si è conclusa ieri la Qatar Silk Road Exhibition 2019, principale manifestazione internazionale qatarina del settore, organizzata dall’ICE-Agenzia in collaborazione con Invitalia.

Inaugurata lo scorso 3 novembre la Qatar Silk Road Exhibition 2019, principale manifestazione internazionale qatarina del settore, è stata organizzata dall’ICE-Agenzia in collaborazione con Invitalia, presso il centro espositivo DECC – Doha Exhibition & Convention Centre. La partecipazione italiana ha riunito Assoporti e UIR insieme ai principali rappresentanti di Porti ed Interporti italiani.

Nello specifico erano presenti l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Settentrionale, l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Meridionale, l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale in rappresentanza del sistema porti italiani, e Cepim Spa – Interporto di Parma in rappresentanza degli interporti.

 

Abbiamo presentato a uno Stato in esponenziale sviluppo economico, che negli ultimi anni ha registrato tassi di crescita del PIL tra i più elevati al mondo, le peculiarità geografiche, strutturali e qualitative che caratterizzano i porti del nostro sistema– commenta il presidente dell’AdSP MAM Ugo Patroni Griffi. Il Qatar è attraversato da una imponente fase di modernizzazione,sia sotto il profilo sociale (scuola, servizi, sanità, cultura, ricerca), sia delle infrastrutture grazie agli enormi surplus rivenienti dalla tecnologia di liquefazione del gas naturale. E il programma a lungo termine prevede investimenti, entro il 2030, per 100 miliardi di dollari. Nei numerosi incontri di business abbiamo presentato il ruolo di snodo polifunzionale strategico, nel cuore del Mediterraneo, ricoperto dai nostri scali, conclude Patroni Griffi– che oltre a vantare efficienti infrastrutturazioni ed elevati servizi, sia nei porti che nei retro porti, sono dotati di impianti tecnologici avveniristici che ci consentono di essere protagonisti nelle reti internazionali della logistica e dell’intermodalità trasportistica.

La manifestazione, alla sua prima edizione in Qatar, si è posta l’obiettivo di riunire Istituzioni governative, semi-governative e privati che lavorano nel settore dei trasporti, delle spedizioni e della logistica per scambiare esperienze e aprire nuovi orizzonti per lo scambio di investimenti tra i paesi partecipanti.

Per dare maggiore risalto alla presenza delle realtà italiane alla manifestazione fieristica, oltre all’acquisto dell’area espositiva ed al suo allestimento, l’ICE-Agenzia ha programmato una serie di azioni di informazione e comunicazione. La rilevante presenza della delegazione del padiglione Italia ha visto subito in visita, l’Ambasciatore Italiano S.E. Pasquale Salzano unitamente ai rappresentanti dell’ufficio ICE di Roma e di Doha, che hanno accolto, insieme alla delegazione dei porti e degli interporti, il Ministro dei Trasporti e delle Comunicazioni. Successivamente una fitta agenda di incontri con i vari rappresentanti del settore logistico e portuale che ha visto la delegazione impegnata fino a tardo pomeriggio. In serata, i delegati si sono ritrovati presso la residenza dell’Ambasciatore per proseguire con il networking avviato nella mattinata.

“Stiamo proseguendo con un lavoro capillare di promozione del sistema Italia”, ha commentato il Presidente di Assoporti Daniele Rossi, “e siamo molto soddisfatti di aver partecipato a questa prima edizione della Fiera Qatar Silk Road con una delegazione di rappresentanza dei nostri porti.”