PON Infrastrutture e Reti 2014/2020 – Digitalizzazione procedure nel Porto di Bari

Logo Unione Europea Logo PON Infrastrutture e Reti 2014-2020 Logo Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il progetto di cooperazione applicativa tra l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale e l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, cofinanziato a Luglio 2017 a valere sui fondi del Programma Operativo nazionale Infrastrutture e reti 2014-2020, è inserito nella linea di azione PON II.1.3 con l’obiettivo di “Ottimizzare la filiera logistica procedurale, inclusa quella doganale, anche attraverso l’interoperabilità tra i sistemi / piattaforme telematiche in via di sviluppo in un’ottica di Single Window/One stop shop”.

Con tale iniziativa, anche grazie al contributo del porto di Bari, nel corso di questi mesi è stato definito un modello di interoperabilità che sarà esteso anche ad altri porti con la finalità di razionalizzare gli scambi di informazioni tra gli attori del ciclo portuale, tramite l’interoperabilità tra il sistema informativo doganale e quelli portuali, a prescindere dal livello di automazione dei sistemi adottati.

Gli interventi principali riguardano la digitalizzazione delle procedure di imbarco/sbarco, di ingresso/uscita dai nodi portuali, di tracciamento dello stato della merce all’interno dello spazio portuale, nonché l’informatizzazione dei pagamenti delle tasse portuali nel Porto di Bari.

Le attività progettuali termineranno a Giugno 2020 ed i principali benefici attesi per la logistica portuale saranno:

  • facilitazione del passaggio delle merci nei nodi logistici portuali
  • velocizzazione del processo di accertamento della posizione delle merci nello spazio doganale;
  • semplificazione e digitalizzazione di alcuni procedimenti amministrativi doganali connessi al passaggio delle merci;
  • possibile automazione delle procedure di ingresso/uscita dai varchi, di imbarco/sbarco;
  • certezza della effettiva conclusione delle operazioni di controllo doganale per le merci in uscita dal porto;
  • disponibilità di informazioni sulle tasse portuali incassate per suo conto dall’Agenzia delle Dogane;
  • disponibilità di dati statistici su natura, origine e destinazione finale delle merci.